3 concept per attaccare il pick & roll con il bloccante

Tre abilità che ogni bloccante dovrebber saper padroneggiare per allargare il ventaglio di opzioni in uscita da pick & roll.
3 concept per attaccare il pick & roll con il bloccante

Da anni il pick & roll è diventata la fonte primaria di creazione di vantaggi e la forma di collaborazione più scoutizzata dalle difese sempre più preparate e performanti, sia a livello senior che giovanile.

Dopo aver trattato quali sono tre concept utili per il palleggiatore, questi sono tre semplici abilità che ogni bloccante nei pick & roll dovrebbe saper padroneggiare per potenziare gli effetti del gioco a due e battere ogni difesa.

Flip the Screen

Si tratta di una tecnica per cui il bloccante altera repentinamente l’angolo di blocco prima del contatto con il difensore del palleggiatore. Utile contro difese che vogliono manipolare l’attacco ad esempio facendo “fondo”, forzando la mano debole del palleggiatore o preparando un raddoppio sulla palla. Cambiando la direzione in cui viene sfruttato il pick & roll la difesa è costretta a adeguarsi e quindi subire l’iniziativa dell’attacco.

Slip the Screen

Si tratta essenzialmente di una finta di blocco, che permette al bloccante di anticipare la rollata a canestro con un cambio di direzione senza generare nessun tipo di contatto con il difensore del palleggiatore. E’ una lettura che può essere fatta di default come contromossa contro difese che cambiano o raddoppiano sul pick & roll (al fine di rubare tempo vantaggioso) oppure per sorprendere il difensore del bloccante se questi non è posizionato tra l’attaccante e il canestro (rubare spazio vantaggioso).

Blur the Screen

Simile allo slip, si tratta di un blocco… che non è un blocco ma un semplice taglio, senza cambi di direzione, che interseca la strada del bloccante/tagliante con quella del palleggiatore per aprire una linea di penetrazione a canestro. E’ un movimento in grado di generare vantaggio e disorientare la difesa ostacolando la strada del difensore sulla palla per agire in quella zona d’ombra in cui la comunicazione difensiva (blocco o non blocco?) può venire meno.

Ti è piaciuto? Condividilo!

Postato da David Breschi

1

Graphic & WebDesigner.
Allenatore di base.
Scrive di NBA per @lUltimoUomo.
Will Ferrell & John Belushi lover.

Ti possono interessare...

La Quick Action

La Quick Action